Denuncia di morte

L’ufficio è aperto al pubblico da:
Lunedì – Martedì – Mercoledì – Giovedì – Venerdì – Sabato
ore: 09.30 – 12.30
Responsabile: Fabiana Courrier

_____________________________

Che cos’é :
E’ una comunicazione obbligatoria del decesso di una persona presso il comune dove si è verificato l’evento.
Va resa all’Ufficiale dello Stato Civile del comune entro 24 ore dal decesso.

Chi puo’ farla :

Puo’ essere fatta da un familiare, dall’impresa di pompe funebri o da persona informata del decesso;

Morte avvenuta in casa:

Immediatamente dopo il decesso i congiunti devono:
-avvisare il medico curante per la compilazione del modello Istat D.4;
-recarsi presso l’ufficio di Stato civile con la suddetta schedina per denunciare il decesso;
-avvisare l’Ufficiale Sanitario, che in qualità di medico necroscopo, dovrà accertare la morte non prima delle 15 ore e non dopo 30 ore dalla morte e provvederà alla redazione del certificato necroscopo;
L’Ufficiale dello Stato civile rilascerà l’autorizzazione al seppellimento dopo 24 ore dalla morte, salvo casi particolari indicati dal medico necroscopo.
Morte avvenuta presso strutture sanitarie:

In questo caso sarà il Direttore Sanitario della struttura, dove si è verificato l’evento, che provvederà a trasmettere all’Ufficiale dello Stato Civile l’avviso di morte e la schedina Istat D4 compilata dal medico necroscopo dell’ospedale;

Morte violenta o in caso di ipotesi di reato:
In questi casi l’atto di morte potrà essere redatto solo dopo l’ avviso trasmesso dalla Procura della Repubblica competente per territorio, la quale, nel caso in cui ravvisi ipotesi di reato, provvederà anche al rilascio dell’autorizzazione al seppellimento.

Rinvenimento di cadavere :

Nel caso in cui il medico chiamato per la ricognizione cadaverica esclude che la morte sia avvenuta per cause naturali e non per reato, per la formazione dell’atto di morte, sarà necessario l’avviso di morte da parte del Maresciallo dei carabinieri, o di qualsiasi altra polizia giudiziaria chiamata per gli accertamenti In tale avviso,oltre alle generalità del defunto, all’indicazione del luogo e dell’ora del decesso, dovrà essere chiaramente specificato che la morte non è imputabile a reato e sarà l’Ufficiale dello Stato civile che rilascerà l’autorizzazione al seppellimento.
Invece nel caso in cui la morte fosse dovuta a ipotesi di reato sarà la competente Procura ad autorizzare il seppellimento del defunto.

Documenti occorrenti per la cremazione:

-Domanda in bollo da parte di un parente con contestuale richiesta per trasporto salma nel luogo dove la stessa deve essere cremata;
-Disposizione testamentaria da cui si evinca la volontà alla cremazione da parte del defunto o, in mancanza, manifestazione di volontà resa da un parente;
-certificato medico escludente il sospetto di morte dovuta a reato, con la specifica che la salma non è portatrice di stimolatore cardiaco o apparecchiature similari;
-autorizzazione, in bollo, alla cremazione rilasciata dal responsabile del servizio;
–autorizzazione in bollo per il trasporto salma fuori comune e permesso di seppellimento per la tumulazione delle ceneri;
-verbale di eseguita prescrizione compilato come previsto dal D.M. Sanità 04/02/97 n. 4004/167).
In caso di morte violenta, per poter procedere al rilascio dell’autorizzazione alla cremazione, è indispensabile il nulla osta della competente Procura della Repubblica ( DPR 285/90)
Modulistica disponibile

 

Allegato Dimensione
Certificazione di decesso (pdf) 35.63 KB